dove si inserire nel frontespizio di una tesi il nome della facoltà?

Vuoi un aiuto gratuito immediato per la tua tesi di laurea?

Collegati subito al sito : http://www.scriverelatesi.it/richiesta-di-supporto-per-tesi-di-laurea/

Domanda di Erica Penna: dove si inserire nel frontespizio di una tesi il nome della facoltà?
10 punti

Migliore risposta:

Answer by luce_vale
Normalmente ogni facoltà mette a disposizione, tra i documenti da scaricare per la laurea, anche le indicazioni per redigere la tesi, tra cui, un fac-simile del frontespizio. Cerca bene! Ti consiglio anche un sito dove possono darti delle indicazioni preziose per la tua tesi di laurea :

http://www.aiuto.tesitutor.it/richiesta-di-supporto-per-la-tua-tesi-di-laurea/

Ne sai di più? Lascia la tua risposta nei commenti!


Scrivi nel box l'argomento o il titolo che ti interessa e clicca su "trova libri" per trovare i libri più interessanti ed attuali a riguardo !

Calcola il preventivo scontato al miglior prezzo per la tua tesi di laurea in soli 3 step!

Clicca subito qui : http://www.scriverelatesi.it/preventivo-tesi/

You can leave a response, or trackback from your own site.

130 Responses to “dove si inserire nel frontespizio di una tesi il nome della facoltà?”

  1. Gianluca scrive:

    Ciao a tutti, domani devo portare la mia tesi di laurea a stampare ma vi volevo chiedere come posso fare in modo che i numeri a pie di pagina non compaiano nelle pagine bianche e nel frontespizio ma che vengano comunque conteggiate??? HELP!!!
    il software è word 2007

  2. Maria scrive:

    Ieri ho ritirato la tesi stampata solo che mi è sorto un dubbio. In pratica avendo fatto una tesi solo fronte i capitoli non sempre iniziano con la pagine dispari, ma anche con quelle pari. In genere i capitoli vanno numeratii sulle pagine dispari in caso di tesi in Fronte/retro, ma nel mio caso non crede valga lo stesso in quanto comunqe i capitoli si trovano sempre sulla destra! Insomma pensate che vada bene?

    Non dite le solite cose “tanto non la leggerà nessuno”, perchè lo so perfettamente. Io voglio sapere solo per dubbio personale, quindi cercate di rispondere seriamente!

    Ah dimenticavo….la tesi l’ho iniziata da pag.2 che è la pagine dell’indice. In teoria però dovrebbe essere la pagina 3 perchè prima vengono frontespizio e dedica, solo che la dedica l’ho aggiunta dopo, nella versione stampata. In pratica non ho considerato come numero di pagina la dedica (che dovrebbe essere la 2), l’ho saltata. Pensate che sia grave come errore o va bene anche così?

  3. Sofia scrive:

    ciao ragazzi. ma il frontespizio della tesi (cioè la prima pagina dopo la copertina) va firmato sia dal professore e dallo studente, o solo dal professore? e poi siccome le facoltà da noi si sono trasformate in dipartimenti, devo mettere il nome del dipartimento? della facoltà? o di tutti e due?

  4. Stefano scrive:

    Allora, ho scritto una tesi, e devo numerarla ma non dall’inizio, cioè non devo numerare il frontespizio,l’indice e la dedica.
    La numerazione deve quindi partire dall’introduzione, a seguire poi il 1 capitolo…fino alla fine.Come fare? GRAZIE 10 PT

  5. Eleonora scrive:

    Ho un dubbio,tutto ciò che deve essere scritto sul frontespizio, va scritto sulla copertina? e poi,per quanto riguarda il dettaglio del corso, si intende il corso principale o il corso su cui si sta scrivendo la tesi?
    per jo: per ex io sono iscritta al corso di pittura,che è il corso fondamentale o obligatorio,ma la tesi è sull’incisione.Quindi devo mettere il corso base o quello della tesi?….
    Crepi il lupo.

  6. Nicola scrive:

    Avrei alcuni dubbi e domande per chi ha già fatto la tesi triennale o la sta preparando:
    – quanto ci avete messo a scriverla?
    – quanto ci mettono a stamparla in copisteria?
    – dovo consegnare il frontespizio dell’elaborato firmato dal mio relatore. ma con questo si intende un foglio singolo o proprio una copia della tesi già stampata con la sua firma??
    grazie a tutti!!

  7. Irene scrive:

    Sto cercando il significato dei simboli del leviatano, perchè il mio professore mi ha dato questo compito!

  8. Riccardo scrive:

    Devo numerare la mia tesi; la prima pagina è il frontespizio, la seconda e la terza l’indice, quindi non vanno inserite nella numerazione delle pagine. Come faccio? Ho office 2004.
    Purtroppo non posso farlo, devo creare un PDF quindi il documento in word dovrà essere tutto numerato nel modo giusto.

  9. Gabriele scrive:

    mi devo laureare in novembre ed entro il 15 settembre devo consegnare in facoltà il frontespizio della tesi firmato dal mio relatore.
    oggi avevo l appuntamento per la firma ma purtroppo sono stata molto male e non sono potuta andare visto che era anche un viaggio lungo in treno e non ero in grado di muovermi.. ho avvisato in ufficio ( x fortuna c era la sua segretaria ) e gli ho mandato un e mail scusandomi e spiegandogli tutto .. gli ho chiesto se è possibile provedere alla firma via fax e poi un altra dicendogli che se nn era possibile sono cmq disponibile qualsiasi giorno lui mi dica ( sto di merda ma mi tocca per forza sennò salta la laurea ) .. MICA LE LEGGE LE E MAIL IL PROF! non so da che parte buttarmi…… lui lavora in uno studio di avvocati vorrei provare a chiamare lì visto che l appuntamento era fissaro nello studio ma non vorrei fare l invadente non so che fare
    ho provato infinite volte a chiamare lo studio ma risulta sempre occupato ( telefono staccato temo ) che incubo
    ok ha risp la segretaria è in riunione riproverò più tardi DEVO avere la mia firma!

  10. Domenico scrive:

    Il senso rimane sempre lo stesso, in quanto sarebbe “Pubblica Amministrazione e Riservatezza” quando io ho stampato “Riservatezza e Pubblica Amministrazione”. Non ho piu’ tempo per stampare, devo consegnare tassativamente domani che fare? che succedera’?

  11. Noemi scrive:

    Ciao a tutti, vorrei chiedere un po’ di consigli per la tesi… dunque:

    1. Mi dareste un link per un bel frontespizio? Quello che secondo voi è migliore?

    2. Dopo il frontespizio, cioè la copertina, passo subito all’ indice o è meglio inserire una pagina bianca? Oppure ancora, una pagina dove si ripetono i dati scritti sul frontespizio (titolo, laureando, relatore eccetera)? Avreste eventualmente un esempio?

    3. Quando si discute una tesi di questo tipo, come è meglio esporre? Nel senso, bisogna fare anche un’ introduzione o si parla direttamente della parte finale (parte pratica e risultati con i relativi commenti)?

    Scusate ma non ho avuto modo di vedere degli esempi… grazie mille! Ciao!

  12. Roberta scrive:

    Nel frontespizio del 730 nella riga de domicilio fiscale quale comune deve essere indicato ? quello del domicilio o quello della residenza?

  13. Anna scrive:

    sono uno studente frequentante un istituto tecnico per geometri. qualcuno ha un buon frontespizio per i progetti (word)?
    grazie.

  14. Pietro scrive:

    sono un pò confusa riguardo all’impaginazione.
    allora, viene la copertina con il frontespizio.
    poi la prima pagina con il frontespizio.
    poi prima la pagina della dedica o la pagina con il titolo?
    poi va bè, indice, introduzione, parte centrale e conclusione. poi bibliografia.
    ma si devono lasciare delle pagine vuote???
    grazie a tutti

  15. Vanessa scrive:

    Devo numerare la mia tesi; la prima pagina è il frontespizio, la seconda e la terza l’indice, quindi non vanno inserite nella numerazione delle pagine. Come faccio? Ho office 2004.
    Non posso, devo creare un PDF unico.

  16. Sofia scrive:

    Ho microsoft office 2007, vorrei mettere solo nella prima pagina della mia tesi documentato artistico sotto il titolo (che ovviamente occupa un intera pagina di word l’ immagine impostazione della prof.essa)per ogni capitolo vorrei mettere un immagine di artista, ma non so come mette e modificare la posizione insomma una frana! help me!

  17. Mirko scrive:

    Una domenica quasi come tante altre in città: piove a dirotto, nessuno per strada e di recarsi in centro neppure a parlarne: tutto bloccato per la visita del Papa e l’ostensione della Sindone. Cosi mi rassegno e mi dirigo in uno di quei posti che odio mortalmente: un ipermercato. Non ho nulla di particolare da comprare, e poi non amo i posti sovraffollati. Oggi dovrebbero essere tutti in centro per la visita del Papa. Accidenti! dimenticavo i maghrebini. Loro sono islamici e quindi sono tutti qui. Con cinque mogli, cinque amici e almeno cinque pargoli a testa, spingono tutto e tutti,si accavallano e si avventano come cavallette sui banchi, mentre i loro pargoli strillano. Cerco disperatamente di riguadagnare l’uscita facendo lo slalom fra le varie corsie , e capito per caso nel reparto libri. I maghrebini non leggono libri italiani e quindiil reparto libri è l’ unica isola di pace. Ne approfitto e mi isolo totalmente dal souk. Sfoglio qua e la a caso, ma non trovo nulla che mi interessi particolarmente. Faccio per andar via e una copertina attira la mia attenzione. “Non incasinatevi la vita” recita il frontespizio. Caspita! in questo periodo in cui i casini sembrano piovermi addosso come i ricci delle castagne in ottobre, mi servirebbe davvero qualche consiglio per uscire dai casini. Comincio a spulciare le pagine e leggo…Niente male: a sentire l’autore (simpatico autore) seguendo i suoi consigli, per altro in verità molto semplici e pieni di buon senso, la mia vita da qui in avanti potrebbe scorrere liscia come l’olio, se solo fossi in grado di applicare a me stessa e ai miei rapporti interpersonali poche semplici ed elementari regole;che poi si riassumono in un paio di concetti antichi come il mondo:” Prendi la vita come viene” e “Vivi e lascia vivere” .Ma evidentemente hoquella che l’autore definisce tendenza all’autocommiserazione. Appena mi rendo conto che si è fatto tardi, la mia mente sta già arrovellandosi sui problemi sentimentali di mia figlia e sulle crisi di gelosia del mio yorkshire con il nipotino. Mi avvio verso la cassa, lasciando dietro di me una scia di profumo (me n’ero spruzzata addosso mezzo litro al banco dei cosmetici) e un nugolo di consigli illuminanti. Intanto i magrhebini sono emigrati verso le loro tende nel deserto lasciandosi dietro un intenso e poco piacevole odore di fritto e di kebap. Si sente solo, strano, sopra la mia testa un intenso cinguettio: una tribù di uccelli di varie specie ha stabilito il proprio nido sulle alte travi dell’ipermercato, e aspettano che gli umani si dileguino per poter mangiare tranquillamente al banco frutta. Loro hanno trovato la maniera di semplificarsi la vita: niente piu’ affannosa ricerca di cibo fra alberi e pericoli. Cataste di cassette di frutta sono li a bella posta per loro. E voi quali libri, manuali o consigli seguite per non incasinarvi la vita e rendervela piu’ piacevole possibile? E quali suggerimenti dareste al prossimo per non incasinarsi la vita?
    Per “giovane in giro da troppo tempo”: non c’è alcuna nota di razzismo in quello che racconto. E’ solo un fatto di cronaca spicciola quotidiana. Dire che gli islamici non sono cattolici mi sembra incontrovertibile. Come anche il fatto che adorino i cibi fritti e il kebap. Idem per il fatto che abbiano un contesto familiare abitualmente numeroso e che si muove sempre in gruppo. Sono semplici note di costume. Che io non ami l’odore di fritto e la confusione, sono miei dati caratteriali, con cui il razzismo nulla a che vedere: il mio adoratissimo ex era, con cui ho avuto un amore lungo ben tredici anni, è, pensa tu, di Casablanca. Anche lui adorava il fritto e il kebap, ma questo non mi ha impedito nè di amarlo nè di stimarlo tuttora che non stiamo piu’ insieme.
    Per grvno: Grazie per i tuoi bellissimi complimenti. Prometto seriamente che scrivero’ un libro, magari proprio un manuale. Il titolo ce l’ho già: “Come incasinarsi la vita e altre storie.” Spero ti piaccia.
    Sono sincera:mai come in questo caso trovo difficile dire quale sia la risposta migliore.

  18. Paola scrive:

    Vorrei una spiegazione dettagliata su come riuscire inoltre a dare degli stili (da me creati precedentemente) ai capitoli e paragrafi

    in pratica il finale dell esercizio chiedeva di fare questo:
    nella pagina successiva al frontespizio sarà presente l’indice automatico dei capitoli e dei paragrafi.

    Ho provato ad usare la funzione del sommario ma non riesco a impostare capitoli e paragrafi automatici

  19. Daniele scrive:

    vado a numerare le pagine l’introduzione è con il numero 7. Come posso avere i numeri progressivamente dall’introduzione in poi escludendo il frontespizio e l’indice? Grazie

  20. Giuseppe scrive:

    salve sto scrivendo una tesi
    e devo consegnare il file intero in segreteria
    pero la numerazione delle pagine dovrebbe partire con il numero 1 ma dalla II-III pagina del file (dato che le prime 2 sono l’indice e il frontespizio)
    come si fa?
    dato che sono impedita mi spiegate passo per passo? io ho provato ma al massimo riesco a far partire la numerrazione con il numero 3 dalla I pagina.. a me serve far PARTIRE LA NUMERAZIONE DALLA 3 PAGINA CON IL NUMERO 1 :)

    10 PUNTI!!!!

  21. Roberta scrive:

    Dunque, ho finalmente scritto la tesi ma un problema mi ha perseguitato: la prof.ssa è ossessionata da conclusioni e introduzioni. Non ho avuto problemi con la tesi in generale, ma quei due aspetti mi stanno torturando.
    Mi ha firmato il frontespizio (quindi ormai va consegnata) ma mi ha chiesto di rivedere introd. e conclusioni e di rilegarla e consegnarla in copisteria.
    Io ho rivisto un pò i due aspetti presi in causa, ho aggiunto qualcosa ma niente da fare: introduzioni e conclusioni sono terrificanti.
    Ho gli incubi.
    Quanto 4 misere paginette (a fronte di 60 pagine) comprometteranno in negativo la mia laurea?
    AIUTO.
    DIte che questo pregiudicherà
    *consegnarla in segreteria

  22. Giorgio scrive:

    Salve a tutti. Mi rivolgo in particolare agli studenti della universitari di firenze. Sapete dove posso trovare il frontespizio per le tesi della laurea di 1 livello in economia? Grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeee

  23. Giada scrive:

    Sto scrivendo la relazione di tirocinio.
    Non sapendo come fare sto seguendo la falsa riga di una tesi, non è che sto copiando una tesi ma ne sto seguendo la struttura.
    Cioè, prima pagina con frontespizio dell’uni, sede, corso di laurea, titolo del lavoro di tirocinio, a.a., studente, matricola e tutore.
    Seconda pagina : indice
    Poi tutti i capitoli e infine la bibliografia/sitografia.
    Al momento sto eseguendo solo una parte introduttiva che sarà completata dopo che avrà fatto altri esperimenti in laboratorio, quindi si tratta di 10-15 pagine che alla fine credo non andranno oltre la trentina.
    Inoltre, sto introducendo anche delle immagini e delle tabelle dalle fonti su cui mi baso.
    Dimenticavo, faccio ingegneria.
    Secondo voi va bene o dovrei farla meno “informale” e più sbrigativa?

  24. Nicolò scrive:

    ragazzi aiuto… vorrei fare in modo che nel documento della tesi i numeri posti a pie di pagina non vengano visualizzati nelle pagine bianche e in quella del frontespizio ma che vengano comunque conteggiati!!!!!

  25. Jacopo scrive:

    ho bisogno di un piccolo aiuto di grafica. Sto buttando giù la tesina per gli esami di maturità, ma sto andando nel pallone per la grafica della prima pagina. voglio fare bella figura ma non voglio niente di pacchiano. ho cercato tra i frontespizio predefiniti di word, ma sono un po banali. potete aiutarmi? grazie in anticipo.! ;)

  26. Giovanni scrive:

    non riesco a decifrare cosa c’è scritto in lingua originale sul frontespizio del partito comunista!!non mi serve la traduzione in italiano ma semplicemente capire in lingua originale le parole…grazieeeeeeee
    a me non serve il testo…ma semplicemente capire cosa c’è scritto sul frontespizio!!

  27. Salvatore scrive:

    Alla fine però Zeus, avendo ricevuto aiuto anche dai Ciclopi, riuscì a prevalere e la sua vendetta fu quella di gettare tutti i Titani nel Tartaro a eccezione di Atlante, che fu condannato a sostener sulle spalle per l’eternità la volta celeste.
    Il nome dello sfortunato Titano è diventato poi il nome comune, di cui tutti conosciamo il significato, per il fatto che la prima raccolta di carte geografiche , pubblicata a Roma nel 1546, recava sul frontespizio l’immagine del Titano, curvo e tutto teso a sorreggere il mondo.
    Grazie mille
    10 PUNTI AL MIGLIORE!

  28. Alessio scrive:

    Così, per sfogarmi un po’…

  29. Debora scrive:

    L’anno accademico è il 2010-2011 (io così ho messo) o l’anno in cui mi sono immatricolata???
    E poi…è diverso dall’anno di corso di laurea???
    Ricordo di esser stata càzziata da un prof. ma non ricordo perchè -_-
    CEPU: CE POI PROVA’!!!
    CEPU: CE POI PROVA’!!!

  30. Greta scrive:

    Devo fare un modello di prima di copertina e quarta di copertina di un libro…fino ad ora pensavo che la prima di copertina fosse …la copertina,cioè la prima pagina in assoluto!Invece ora mi viene il dubbio che sia la prima pagina SUBITO DOPO la copertina(io per copertina non intendo la foderina rimovibile, ma il frontespizio!)Toglietemi presto il dubbio, please!

  31. Nicola scrive:

    La tesi è tutta scritta, perchè avevo consegnato una bozza senza foto né altro al professore. Ora sto impostando (o meglio sto cercando d farlo) il documento… da quello esistente (che parte con l’intestazione) aggiungere il frontespizio e la pagina vuota… Ora io ho aggiunto due pagine prima dell’inizio, ma anno preso anche loro l’intestazioe e se la tolgo me la toglie da tutte le pagine della tesi… non funziona nemmeno l’interruzione di pagina… e poi volevo creare il maledetto frontespizio, ma su word 2003 NON LO TROVOOOOO!! Mi aiutate per piacere??? Grazieee

  32. Mattia scrive:

    Devo lasciare una pagina vuota prima dell’indice?

    Grazie mille ragazzi

  33. Mattia scrive:

    Mi laureerò a luglio, ma ho finito gli esami a marzo, nella sessione straordinaria dell’anno accademico 2010/2011…che anno accademico devo mettere sul frontespizio? 2011/2012 ?
    Grazie, immaginavo! Il dubbio sorgeva dal fatto che in realtà non ho fatto l’iscrizione formale e pagato le tasse dell’anno accademico 2011/2012. Grazie mille.

  34. Giada scrive:

    Accusano i mormoni di razzismo per una vecchia rivelazione che escludeva i negri dal sacerdozio fino al 1978, oggi il sacerdozio è aperto a tutti, bianchi, neri, gialli e rossi.
    Nel Libro di mormon si legge nel frontespizio:” Sia reso noto a tutte le nazioni, tribu’, lingue e popoli ai quali giungera’ quest’opera…” Subito dal frontespizio si legge e si capisce che la Rivelazione degli Ultimi Giorni è per tutti.
    Volete anche controprove sui Mormoni che non sono razzisti?
    Guardate la storia, nell’epoca dello scontro tra nordisti e sudisti i mormoni non tennero mai uno schiavo diversamente da alcune confessioni protestanti, anzi tra i pionieri mormoni facevano parte tre negri al seguito delle carovane.
    I cattolici in Africa tenevano schiavi ed erano colonialisti uccidevano chi si ribellava, i cattolici massacrarono maya, toltechi, mixtechi, facevano crociate contro musulmani.
    La Storia è certa La Chiesa di Gesu’ cristo dei santi degli Ultimi giorni mai ha avuto schiavi, mai scese a cose indegne segregando figli di Dio.
    Prima di condannare il Mormonismo si dovrebbe guardare gli errori delle proprie fedi e poi sparare sentenze.
    “Il cammello guarda la gobba degli altri ma non vede sè stessa perchè ha una gobba piu’ grande di quella degli altri”.
    Non dico che i mormoni siano tutti immacolati ma condannare senza conoscere è profonda ignoranza oscura.
    Si è vero la degenerazione biblica di cui chi non segue la Bibbia avviene per chi ha la pelle scura, ma razzismo è un comportamento segregazionistasono cose differenti.
    Io posso dire che i lamaniti (Antenati degli Indiani d’America) avevano la pelle scura in quanto non timorati abbastanza di Dio, mentre perseguitarli chiudere in riserve è razzismo invece.

  35. Angela scrive:

    Ciao a tutti, posseggo una copia di “La casa del buio” di Stephen King e Peter Straub che presenta un’anomalia abbastanza peculiare.
    Sono presenti il titolo, le dediche, il sottotitolo… poi, quando faccio per voltare la pagina e iniziare col capitolo 1, questo non c’è. Volto pagina e il retro di quella che avrebbe dovuto essere pagina 1 è stampata normalmente.
    Ricapitolando: NON manca tutta la pagina 1, la pagina c’è, ma il frontespizio non è stampato (manca l’1 del capitolo e tutta la prima facciata del romanzo); è stampato invece il retro, sempre senza 1 né niente, semplicemente continua la storia che avrebbe dovuto esserci a pagina 1, e che invece non c’è.

    Qualche intenditore sa dirmi se è una copia che può valere qualcosa per questo grossolano ma particolare errore di stampa o se ho semplicemente da riacquistare un libro? :P
    Grazie, 10 punti al più esaudiente e gentile!

  36. Eleonora scrive:

    escludendo la numerazione del frontespizio e dei ringraziamenti? Sto impazzendoooooooooooo perché non ci sto riuscendo.

    N.B. è una tesi

  37. Lucia scrive:

    Mi è sorto un dubbio…ma il logo dell’università, nel mio caso di Palermo, è obbligatorio nel frontespizio e nella copertina della tesi?AIUTO!!!

  38. Giorgio scrive:

    Per le tesi ho un correlatore esterno che ha maturato una grande esperienza di lavoro ma non ha titoli di studio, nel senso che ha solo la maturità e non è laureato, neppure di un corso breve. Nel frontespizio della tesi devo citare anche il suo nome e mi spiace metterci solo sig., quando al prof relatore devo premettere per forza chiarissimo. Qualcuno sa se in questi casi si può premettere qualcosa tipo “egregio” o simili? Grazie in anticipo a chi saprà aiutarmi.

  39. Camilla scrive:

    Ho scritto una tesina con Word 2010, quello che ha le istruzioni in inglese. Dovrei numerare le pagine in basso a destra pe ri numeri dispari e in basso a destra per i numeri pari. Inoltre non devo numerare la prima pagina, quella dove c’è il frontespizio. Come devo fare?

  40. Arianna scrive:

    salve a tutti….è la prima volta che faccio la domanda per avere la borsa di studio e mi sembra una cavolata ma l’ARDSU non mi ha accettato la domanda per avere la borsa di studio solo percè non ho incollato il frontespizio sull busta ma l’ho inserito dentro….
    cioè mi sembra davvero poco intelligente perkè deve valere il reddito e il curriculum universitario no queste cavolate perchè sul frontespizio c’era il mittente e il destinatario e un codice che comunque ho ricopiato a penna….posso fare ricorso????? in quale maniera???

  41. Cristina scrive:

    Non la prima volta secondo un’edizione precisa (quella si trova nella seconda pagina dopo il frontespizio o alle pagine finali, lo so) ma quando è stata pubblicata la prima edizione in assoluto.
    Per esempio, Moll Flanders è del 1700.Quando per la prima volta gli italiani hanno potuto leggerne la traduzione?
    Grazie a chi mi aiuterà.

    P.S. Nel caso non sia stata chiara, non chiedo la data di traduzione di “Moll Flanders” ma un sito, un indicazione per scoprire la data della prima traduzione di tutti i libri (dal Quattrocento all’Ottocento in particolare).

  42. Michela scrive:

    Sto finendo la mia tesi di laurea e intendo a laurearmi a marzo. Il mio relatore, prima molto amicale e gentile, che andava dicendo che il lavoro della tesi dovevo farlo io, e deciderlo io, adesso se ne salta fuori che la tesi presenta “numerose criticità” e argomenti di cui non avevamo parlato.
    A prescindere dal fatto che era stato lui a dirmi di procedere per conto mio, e io gli avevo esposte in linea di massima il mio lavoro, potrebbe il prof rifiutarsi di firmare il frontespizio, impedendomi di laurearmi?

    Non fraintendetemi, non voglio sembrare un nullafacente che non accetta le critiche del prof. Io ho gia corretto secondo le linee guida del prof, ma se il prof rimanesse insoddisfatto potrebbe rifiutarsi di firmarla?
    Mi sono espresso male. Lo so che il relatore può rifiutarsi di firmare, quello che chiedevo era questo: Se io dicessi al relatore che del voto non me ne frega niente, mi acconteterei del voto minimo, e devo assolutamente laurearmi a marzo (2000 euro di tasse in più non sono pochi) e’ possibile che il relatore si rifiuti di firmare?

  43. Alice scrive:

    non sono italiana, ma traduco un contratto. C’è la frase “Il documento di sintesi costituisce il frontespizio del contratto” e non la capisco.

  44. Beatrice scrive:

    Mi spiego meglio, nelle prime pagine dei libri si trova solitamente una pagina (in genere dopo il frontespizio) dove ci sono delle informazioni editoriali, per esempio il copyright, i contatti della casa editrice ecc… Ebbe sempre in questa pagina c’è la voce Ristampa: e poi una sequenza di numeri e anni. Sapete dirmi cosa significano e come si leggono?

    Grazie in anticipo.

  45. Manuel scrive:

    Perchè li avevano lasciati da soli? Era l’ultima cosa che Abigail desiderasse. E per giunta, la cameriera aveva chiuso pure la porta.
    «Bè, hai fatto un buon viaggio… da Glasgow a Maidstone?» chiese lui.
    «Oh, si. Benissimo» rispose lei.
    Come faceva a sapere che era venuta da Glasgow? Probabilmente Mark, aveva riferito tutto al signor Twain.
    Era una cosa alquanto curiosa, ma ora, Abigail, voleva restare sola con Buck.
    «Come mai sei tornato così presto dal campo estivo? L’estate è appena iniziata» chiese a voce alta Abigail.
    Doveva calmarsi. Che cosa le succedeva? Perché aveva alzato la voce?
    «Sentivo la mancanza di questo posto. Sai, è molto bello qui»
    “Tu sei bello!” pensò la ragazza sospirando. Il suo stomaco ebbe un fremito. Ma che diavolo stava pensando? Non aveva mai dedicato tante attenzioni ad un ragazzo.
    «Capisco. E’ meraviglioso questo posto d’estate».
    «Devi vederlo d’inverno. E’ tutta una magia; specie quando nevica».
    Ora comprendeva tutti i suoi pensieri, quell’ansia: Buck le piaceva. Ma uno così aveva di sicuro una ragazza.
    Ma che cosa doveva fare?
    Si alzò e Buck fece lo stesso.
    «Ti va se andiamo fuori? Non ho avuto modo di vedere il giardino» mentì Abigail, perché lo aveva osservato il primo giorno in cui era arrivata e lo aveva scrutato più volte dalla finestra della sua camera.
    «Si, certo».
    Buck le aprì la porta e si diressero insieme, fuori in giardino.
    Iniziarono a passeggiare ad una certa distanza, incapaci di toccarsi.
    «Tu abiti qui vicino?» chiese Abigail.
    «In fondo alla strada, con mio padre e mia madre. A proposito, devi scusare il suo atteggiamento esuberante. E’ così con tutte le belle ragazze che vede. Può sembrare un pazzo ma ti posso assicurare che è il papà migliore del mondo».
    Lei, bella ragazza?
    «No, al contrario. Ha dimostrato di essere molto amichevole» disse Abigail guardandolo negli occhi, anche se lui continuava a fissare i suoi piedi.
    «Meno male. Credevo che ti fossi spaventata, all’inizio».
    Abigail rise di gusto.
    Esiste l’amore a prima vista?
    Si, se prendiamo in considerazione Abigail.
    La stessa sera fece la stessa domanda ad Isabel, alla quale però, non raccontò nulla di Buck: «Io credo alla “reazione chimica” che parte dalla spina dorsale e crea tutte quelle sensazioni meravigliose che sono tipiche del colpo di fulmine» rispose,«cuore in gola, brividi e felicità…
    «Se poi, conoscendolo, ritrovi tutte quelle affinità spirituali, intellettuali, fisiche, emotive…allora hai trovato ciò che stai cercando!».
    Non seppe mai se Isabel, ebbe visto quella scintilla di felicità che le brillava negli occhi.
    Quella giornata trascorse velocissima, e neanche Abigail si rese conto di come il tempo, quando non te ne accorgi, sfreccia velocissimo sotto il nostro sguardo, ignari di cosa ci stia succedendo.
    Appena Buck e il signor Twain uscirono dal cancello di villa Barrimor, dicendo che avevano questioni urgenti da sbrigare in centro, Abigail si catapultò in biblioteca, ma non per leggere Sogno di una notte di mezza estate, con il quale aveva inaugurato il suo arrivo in quella casa, ma con un genere che nemmeno lei credette di leggere mai: il romanzo sentimentale.
    Si recò nella sezione adiacente a quella Fantasy, ed estrasse un libro che mille volte si era desiderata di leggerlo, Romeo e Giulietta di William Shakespeare: la storia d’amore per antonomasia, la tragedia, il romanticismo e le passioni convivono all’interno di una delle più famose opere del drammaturgo inglese. Era questo che ad Abigail piaceva, ovviamente dopo il Fantasy.
    “Devo essere caduta in una forma di depressione cronica, per leggere questi libri” si disse quando fu davanti al frontespizio del libro, seduta su una poltrona.
    Abigail iniziò a leggere sotto il titolo scritto in nero che diceva: Prologo.
    Nella bella Verona…
    Lei e Buck.
    …per antica ruggine scoppia fra due famiglie di pari nobiltà una nuova rissa…
    Era una cosa impossibile.
    …Dai fatali lombi di due nemici discende una coppia di amanti…
    Senza contare il fatto, che un ragazzo come lui, una ragazza la dovrebbe avere per forza.
    …nati sotto cattiva stella, le cui sventurate e pietose vicende seppelliscono con la loro morte l’odio dei genitori…
    Non poteva chiederlo a Isabel, o a Mark, e tanto meno al signor Twain. Che figura avrebbe fatto?
    …e l’ira prolungata dei loro genitori, alla quale nulla potrà mettere fine, se non la morte dei figli…
    Doveva farsi coraggio e chiederlo direttamente a Buck. Ma poi, lui, avrebbe sicuramente sospettato…no, non poteva.
    Ecco che iniziava il racconto vero e proprio…Atto I…

    Mi hanno detto in libreria che è un nuovo scrittore! Il titolo è Le cronache di Maidston!
    Fate dei commenti su questo pezzo? Io lo trovo interessante, e voi?

  46. Pietro scrive:

    Ho microsoft office 2007, vorrei mettere solo nella prima pagina della mia tesi documentato artistico sotto il titolo (che ovviamente occupa un intera pagina di word l’ immagine impostazione della prof.essa)per ogni capitolo vorrei mettere un immagine di artista, ma non so come mette e modificare la posizione insomma una frana! help me!

  47. Anna scrive:

    ho fatto rilegare la tesi…volevo sapere se ci vuole la firma del prof. sul frontespizio…grazie

  48. Eleonora scrive:

    Ieri ho ritirato la tesi stampata solo che mi è sorto un dubbio. In pratica avendo fatto una tesi solo fronte i capitoli non sempre iniziano con la pagine dispari, ma anche con quelle pari. In genere i capitoli vanno numeratii sulle pagine dispari in caso di tesi in Fronte/retro, ma nel mio caso non crede valga lo stesso in quanto comunqe i capitoli si trovano sempre sulla destra! Insomma pensate che vada bene?

    Non dite le solite cose “tanto non la leggerà nessuno”, perchè lo so perfettamente. Io voglio sapere solo per dubbio personale, quindi cercate di rispondere seriamente!

    Ah dimenticavo….la tesi l’ho iniziata da pag.2 che è la pagine dell’indice. In teoria però dovrebbe essere la pagina 3 perchè prima vengono frontespizio e dedica, solo che la dedica l’ho aggiunta dopo, nella versione stampata. In pratica non ho considerato come numero di pagina la dedica, l’ho saltata. Pensate che sia grave come errore o va bene anche così?

  49. Giulio scrive:

    ho acquistato il libro dopo aver letto alcune recensioni su riviste e quotidiani che pero’ non approfondivano il contenuto. Ora leggo sul frontespizio alcuni dettagli raccappriccianti. Qualcuno l’ha letto e puo’ dirmi se si può leggere senza sentirsi male? grazie

  50. Christian scrive:

    ciao!!! forse finalmente riesco a laurearmi! ma ho bisogno di sapere dove posso trovare il frontespizio dela tesi…mi laureo in psicologia alla seconda università degli studi di napoli (caserta)
    aspetto buone notizie……….
    ps….nel caso sapreste anche suggerirmi come fare per passare da word a pdf?
    ve ne sarò grata!

  51. Gabriele scrive:

    Ciao.
    La mia domanda è questa: io il mese scorso ho fatto la dichiarazione dei redditi nel 730 presso un caf acli.
    Mi sono accorto che potrei ottenere un rimborso ulteriore per spese di ristrutturazione, e vorrei integrare la mia dichiarazione dei redditi anche con questa spesa da reuperare.
    Piccolo particolare: vorrei, anche pagando un extra, fare questa dichiarazione in un altro caf ma assolutamente non in un altro caf acli, in quanto mi sono trovato molto male.
    E’ ancora possibile?
    Grazie.

  52. Monica scrive:

    Devo fare un frontespizio , cioè una pagina iniziale del libro lessico famigliare di natalia ginzburg, in cui dv scrivere il nome e l’autrice del libro e fare un disegno, ke sia adeguato ovviamente, ma quel disegno di quelle case ke ci sn sulla copertina mi sembrano un po trpp difficili…xd
    k cs ci potrei disegnaree?
    e ps:
    dovrei fare il tutto su un cartoncino colorato, ke colore mi consigliate?

  53. Filippo scrive:

    Quella che sta tra la copertina e l’inizio vero e proprio. Dove di solito viene fatta la dedica dell’autore. Mi ricordo che ha un nome preciso, ma non mi viene in mente…. 10 punti a chi me lo dice! =)
    Il foglio di guardia (o risguardo) è il foglio posto all’inizio e alla fine di un libro, che copre da una parte il cartone della copertina e dall’altra i fogli di apertura e di chiusura del volume.

    Io invece mi riferisco ad una semplice pagina bianca con la dedica, prima dell’inizio del libro.
    La pagina di rispetto è la pagina bianca, dove puoi scrivere la dedica a chi dai il libro. Io intendo invece quella pagina in cui è scritta la dedica dell’autore del libro . Del tipo “a mia madre, alla mia famiglia, ad Anne…”.

  54. Christian scrive:

    Ciao, sto scrivendo il frontespizio della tesi. Suona bene Candidata in italiano? o è meglio la forma maschile? Grazie in anticipo.

  55. Simona scrive:

    La scadenza per consegnare libretto, domanda e frontespizio della tesi è il 27 giugno, ma io ho l’ultimo esame il 30… Così in segreteria mi hanno detto di consegnare la domanda entro il 27, precisando che il libretto lo porterò la mattina del primo luglio. Insomma, faccio l’ultimo esame dopo aver già consegnato la domanda di tesi!
    Ovviamente io non ci avrei mai pensato, è stato il mio prof a suggerirmelo…
    Ma voi l’avete mai sentita una cosa del genere?
    E se mi buttano fuori???? Avete idea di cosa fare in quel caso??

  56. Michela scrive:

    qualcuno può darmi qualche idea di una frase bella, divertente (magari anche a doppio senso) da scrivere nel frontespizio del biglietto d’invito ad un compleanno di 18 anni???

  57. Beatrice scrive:

    Mi hanno detto il 30% ma mi sembra una percentuale eccessiva…
    Sbaglio?
    Grazie ragazzi delle risposte, però il problema non è come farle ma cosa dice la legge a riguardo.
    Si può fare? In che percentuale? E nel calcolare la percentuale, le cose come indici o glossari sono inclusi o esclusi?

  58. Mirko scrive:

    1) In che edizione avete il libro?
    2) Cosa reca il vostro libro apposto a frontespizio (ossia, nello spazio della dedica iniziale)? Ripeness IN o IS all?

  59. Filippo scrive:

    Nella copertina della tesi e sul frontespizio alla dicitura “Corso di Laurea in…” ho inserito “Lettere e filosofia”, in realtà si tratta di un’Interfacoltà, che però fa capo a Lettere e Filosofia! Secondo voi ho sbagliato e qualcuno potrebbe avere da ridire? Sinceramente non posso farla rifare con quello che costa!! Grazie in anticipo!! :)
    P&T grazie mille per la risposta!! :) in effetti nell’ansia mi sono spiegata male, nel senso che il Corso di Laurea specifico l’ho scritto sotto giusto, la Facoltà a cui fa capo ho messo Lettere e Filosofia (dato che ufficialmente è così!) anche se poi è un’Interfacoltà!

  60. Leonardo scrive:

    Ciao,
    ho Word 2010, ho evidenziato una parola e vi ho messo un riferimento ipertestuale:
    Collegamento ipertestuale -> Inserisci nel documento -> clicco su quel paragrafo che voglio visualizzare al click sul collegamento.

    Il problema è che, clikkando sul collegamento, invece di puntare sul paragrafo mi punta alla prima pagina, al frontespizio del documento.

    Sapreste aiutarmi?

  61. Angela scrive:

    Ho ritirato le copie della tesi, bene. Mi ritrovo con tre copie schifose. In copisteria ho fatto notare che le incisioni sulla copertina sono storte, pendono e loro mi hanno detto che andavano bene. Ma che diamine, devono essere ciechi, devono forse essere in diagonale o in verticale per ammettere che sono storte! Poi ho fatto notare che una copia era rilegata male, il bordo della copertina andava restringendosi verso l’alto ed era mal messo, in più nella terza copia la pagina bianca che precede il frontespizio è messa male, cioè incollata male, per cui il frontespizio si vede storto. Loro si sono quasi messi a ridere, ovviamente non potevano mica rifarle per queste piccolezze mi hanno detto, e poi nemmeno se ne accorgeranno. Intanto poi vanno a finire nella spazzatura, probabilmente il loro commento. Sono uscito che fumavo di rabbia, a parte che logicamente non mi rivedranno più, sicuramente non consiglierò a nessuno di recarsi in quella copisteria, manco per una fotocopia b/n. Sono cose che capitano, a volte anche i libri contengono delle imprecisioni; le cose perfette non hanno personalità, mi dico per tirarmi su. Il fatto è che gli errori sono sparsi nelle copie che ho, altrimenti anche se una copia è venuta male non ci sarebbe statio alcun problema, l’avrei tenuta io, però caspita, proprio a me. Non me ne va bene una, neanche nelle cose più piccole. Lo so, non sono queste le tragedie, ma per una volta non poteva venirmi una cosa fatta bene, almeno la copertina visto che già le immagini della tesi non sono venute granchè, l’esportazione mi ha creato diversi problemi, le ho ritoccate, aggiustate, ma nulla da fare, fanno schifo.

    Ditemi, è successo a qualcuno di voi di ritirare delle copie mal stampate? Che avete fatto?
    Ho bisogno di comprensione, e spero che le sfortune altrui, lo so, è brutto dirlo, possano ridimensionare le mie.
    La domanda è stata messa appositamente in questa sezione.
    Mi sa che sono solo parole, mi hanno espressamente detto che non stanno a ristamparle per quelle che loro hanno definito piccolezze.
    Le ho fatte vedere a mia madre, e lei subito mi fa sono un po’ storte, comunque bella. Cioè non è scritta in diagonale, però pende.
    E poi, non basterebbe rifare la rilegatura, perchè ristampare?
    Proprio schifo non fanno; forse se non le stai a squadreare proprio bene non te ne accorgi, ma se ti metti la tesi davanti e la osservi si nota questo propendere verso l’alto delle incisioni.
    squadrare volevo dire

  62. Greta scrive:

    1) In che edizione avete il libro? 2) Cosa reca il vostro libro apposto a frontespizio (ossia, nello spazio della dedica iniziale)? Ripeness IN o IS all?

  63. Mirko scrive:

    Ho assistito ad alcune lauree e ho notato che alcuni (non tutti) portano anche una presentazione in power point da utilizzare durante la discussione della tesi di laurea. Quello che mi chiedo è: fare questa presentazione in pp (dato che non è obbligatoria) serve a prendere un punteggio un po’ più alto oppure non incide minimamente nel voto finale? Grazie per le vostre risposte! :)
    anche la mia è una facoltà di lingue, non è obbligatoria, ma alcuni la portano, per questo mi chiedevo se dava punti in più!

  64. Mirko scrive:

    Qualcuno può spiegarmi cosa si intende per ”tesi di laurea”?

  65. Giorgio scrive:

    Studio lettere moderne,la mia tesi di laurea del terzo anno mi piacerebbe farla sulla semiotica e la semantica nella letteratura,
    Come potrei svolgerla secondo voi? Da cosa potrei partire?

  66. Nicola scrive:

    Esiste una specie di libretto dove vengono tracciate le linee guida per fare la tesi di laurea specifico per economia? Qualcuno lo conosce?

  67. Roberta scrive:

    magari con sopra un maglioncino e scarpe di pelle?
    non posso mettermi niente di elegante,perchè il vestito buono l’ho lasciato a casa e non posso tornarci questo weekend…siccome non son ancora mai andato a una tesi di laurea(e dato che lei si laurea in giurisprudenza,ambiente attento anche a queste cose,penso),mi chiedevo se potessi andare ugualmente vestito in questo modo o se mi converrebbe trovare una soluzione alternativa.
    La mia amica ha detto che fa niente,però io ho paura di sentirmi a disagio poi,se tutti andranno vestiti bene.

  68. Laura scrive:

    Ho finito gli esami e cerco un argomento per la tesi di laurea specialistica… La materia è Bilancio e informazione esterna d’impresa e quindi i principi contabili nazionali, internazionali ecc. Potreste darmi qualche indirizzo?
    Ve ne sarei grata. Claudia

  69. Giulio scrive:

    Salve a tutti, sono alla ricerca del soggetto per la mia tesi di laurea in restauro.
    Il soggetto deve essere un dipinto murale in avanzato stato di degrado, che non sia in fase di restauro e che non sia stato restaurato recentemente.
    Ho svolto una breve ricerca su internet senza avere risultati soddisfacenti, inoltre, la chiusura momentanea di molte chiese di Modena per via del terremoto, mi ha praticamente bloccata. Così mi rivolgo a voi: conoscete qualche meraviglia artistica modenese che potrebbe fare al mio caso, eventualmente anche non particolarmente conosciuta? O magari qualche affresco degradato di qualche palazzo privato? in tal caso potrebbe essere anche un’ottima occasione per farsi pubblicità!
    Vorrei trovarlo, per amor di patria, nel territorio in cui vivo, Modena e provincia, tuttavia, visto l’ emergenza, potrebbe andare bene anche se si trova in Emilia Romagna o vicino a Mantova, dove studio; l’ importante è che sia in un luogo facilmente accessibile poichè mi occorrerà visitarlo spesso.

    Spero che possiate aiutarmi! =)

  70. Stefania scrive:

    Se entro la data stabilita avrò terminato di scrivere la tesi di laurea, il relatore può comunque decidere di non darmi l’ ok e posticipare la mia laurea ad una sessione successiva???

  71. Alberto scrive:

    Curiosita': i docenti che si incaricano di fare da relatori di una tesi di laurea di uno studente ricevono un compenso particolare?

  72. Giovanni scrive:

    salve ragazzi..mi chiedevo quanto tempo è necessario per scrivere una tesi di laurea specialistica (mel mio caso economia e commercio) mi rimane solo un esame che farò a settembre, dovrò quindi chiedere la tesi o ora o a settembre..è troppo tardi o ce la faccio lo stesso? ho sentito voci discordanti a riguardo la sessione di laurea c’è a fine novembre mentre l’altra ad aprile..

  73. Erika scrive:

    Salve!vorrei sapere se ho diritto a prenderemi dei giorni di ferie retribuite e che non mi tolgano giorni dalle ferie che accumulo durante l’anno per poter discutere la mia tesi di laurea.in poche parole siccome ho il giorno di laurea fissato a giovedi 13 dicembre, mi chiedevo se potevo prendere anche mercoledi ed eventualmente venerdi.grazie!!!

  74. Gabriele scrive:

    Vorrei alcune informazioni sulla realizzazione della mia tesi (anche volgarmente materialistiche) . Ad esempio: quando la scrivo, devo riportare in fondo alla pagina la fonte dalla quale ho tratto quella frase (tipo il nome del libro, o il nome di una persona in particolare)? Mi dareste altre info utili su questo genere?

    Se, come nel mio caso, volessi parlare delle strategie di marketing e della storia di un determinato marchio, e non trovassi libri a riguardo (che parlano di questo marchio in particolare), come potrei reperire queste informazioni? (tenete conto, che per una serie di motivi, non potrei andare fisicamente in uno store o in un esercizio di questo determinato marchio). Cioè: basterebbe solo cercare qualcosa sul web o ci vorrebbe qualcosa di “ufficiale” (come un libro o un articolo di giornale)?

    Nella tesi devo anche dare un mio personale parere sulle strategie di marketing di questo determinato marchio, o devo solo limitarmi a descriverne le strategie e la storia?

    Secondo voi (e scusate l’ignoranza della domanda), almeno quante pagine deve avere una buona tesi di laurea? più o meno di 100?

    No perditempo e cazzoni. Vorrei risposte da gente che ha dovuto affrontare questi miei stessi dilemmi.

    Grazie a chi mi vorrà aiutare VERAMENTE.

  75. Eleonora scrive:

    Salve a tutti mi dareste un aiutino per il titolo della mia tesi di laurea? Io penserei ad un titolo che, coerentemente con linee guida del mio lavoro, inquadrasse il fenomeno della pirateria vs diritto d’autore nel contesto della rivoluzione del digitale+rete che ha investito la società tutta ed in particolare il segmento che mi interessa: quello della comunicazione e della produzione della cultura. Un grazie di cuore a chi mi risponde:)

  76. Michele scrive:

    ho scritto un breve testo per la tesi di laurea triennale in architettura del politecnico di milano. volevo sapere che stile usare che dimensione del carattere e che distanza dei paragrafi ecc.. usare

  77. Alessandra scrive:

    Per essere più pratici: supponiamo che al termine del mio ciclo di studi in medicina, arrivato all’ultimo anno, decida di fare una tesi sul “melanoma”, tumore della pelle;
    Una volta laureato e una volta superato l’esame di stato abilitante alla professione di medico-chirurgo, dovendo scegliere una specializzazione, la scelta dovrà per forza essere conforme alla tesi di laurea fatta ? Quindi, prendendo il caso suddetto, in una situazione del genere sarei costretto a conseguire una specializzazione in dermatologia ??
    Oppure poi la scelta della specializzazione può essere fatta a prescindere dalla tesi di laurea ??
    E quindi, sempre in riferimento al caso dato, potrei benissimo iscrivermi (previo superamento di un test di ammissione) ad una specializzazione tipo anestesia o chirurgia o altro ?
    Grazie

  78. Pietro scrive:

    Ciao a tutti, lavoro da più di 3 anni nel call center Vodafone con contratto part time e a breve devo discutere la tesi di laurea, ho cercato sul contratto se vengono menzionati i permessi in questo caso, ma non ho trovato nulla.Al lavoro mi hanno detto che ho diritto a 3gg come per un normale esame, ma facendo brevi ricerche su internet ho visto che sono 5gg. Mi sapete dire qualcosa?Grazie mille!

  79. Elena scrive:

    Ciao a tutti!
    Sto preparando la mia tesi di laurea (la dovrei scrivere in inglese-scelta personale) sulla lingua speciale del turismo,americanismi e anglicismi?Mi dovrei laureare a febbraio,ma sn indietro di molto.Qualcuno di voi mi potrebbe aiutare a spedirmi una copia di una tesi con un argomento simile a questo,(anke solo in consultazione)sarei disposta a pagare qualsiasi cifra…Grazie a tutti…

  80. Enrico scrive:

    Ciao a tutti, la laurea si avvicina, gli esami ormai sono terminati e arriva l’incognita della Tesi di Laurea, che da sempre mi ha preoccupato molto. C’è qualcuno che mi sa consigliare un tema, un autore, un argomento su cui svolgerla? Grazie mille, ogni spunto verrà apprezzato e l’idea migliore (dal mio punto di vista) verrà premiata con 10 punti. Grazie!!!!!
    BLEAH scienze delle merendine sarà poi la tua ;)

  81. Alessandra scrive:

    Il mio relatore mi ha suggerito come argomento della tesi della laurea specialistica di approfondire quello della triennale.Io gli ho scritto che ero pronta ad iniziare il lavoro e lui mi ha risposto che per adesso posso iniziare a “rielaborare” la tesi di laurea triennale e che tra qualche mese lui mi darà degli altri articoli scientifici da integrare per approfondire e ampliare l’argomento.

    Secondo voi cosa intendeva con “rielaborare la tesi della triennale”?Riscrivere in altra forma?Sintetizzare?Semplicemente rileggere e ristudiare?

    Al più presto lo chiederò anche a lui,ma nel frattempo…

  82. Gabriele scrive:

    devo, AL PIù PRESTO (sono già in ritardo con i tempi), scegliere l’argomento della tesi..decidere la materia, il corso, il professore, trovare libri correlati..insomma, devo sbrigarmi..consigli?cioè, più che consigli io ho bisogno di vere e proprie direttive..non sulle modalità burocratiche..ma io non so proprio come scegliere l’argomento e ste cose..help sono in ritardo con i tempi…
    scienze della comunicazione

  83. Giulio scrive:

    salve a breve devo laurearmi..dopo un’indagine durata quasi un anno..la mia relatrice si è svegliata e mi ha detto ti laurei a dicembre ..mi resta meno di un mese x compilare la tesi..e in piu ho l’ultimo esame la prox settimana…
    comunque la mia preoccupazione non sono i tempi quanto la discussione..mi spiego io sto ad architettura ..dovrei presentare una tesi sperimentale sul fotovoltaico e la mia relatrice mi ha detto fai una presentazione in power point….???..ora mi chiedo non è che brucio un anno di lavoro presentandomi con una misera presentazione in power point..senza una relazione..2 disegni..ecc…e poi in una facolta come la mia dove tutti faranno a chi mette piu disegni davanti alla commisssione…ditemi la vostra e raccontatemi della vostra esperienza o di tesi alle quali avete assistito….helppp ho una paura tremendaaaaaaaaaaaaa
    non ho capito
    i punti della tesi..che intendi..da noi si assegna un punteggio max di 11 punti…

  84. Daniele scrive:

    ragazzi, tra circa un mese dovrò discutere la mia tesi di laurea triennale…sto preparando il discorso e mi sembra lunghissimo, da me per discutere danno un quarto d’ora comprensivo della domanda che ti porrà il correlatore…la mia paura è di non saper riuscire a rispondere…ma oltre al correlatore, anche gli altri professori della commissione potrebbero fare delle domande?ed è successo di fare scena muta? ho una paura assurda, l’unica cosa che mi consola un pò è pensare che dopo sarò libera e potrò riposarmi in santa pace! :) datemi dei consigli per passare al meglio questi giorni :(
    sono una persona molto emotiva ed ansiosa, infatti ci sono giorni in cui ho degli improvvisi attacchi di pianto…e tendo sempre a sottovalutarmi!

  85. Debora scrive:

    Spiego brevemente il problema.
    E’ mia intenzione chiedere la tesi in diritto penale(l’argomento l’avrei gia’ pronto,responsabilita’ penale in campo medico piu’ o meno è questo l’argomento);,ma purtroppo i tempi sono lunghi perche’ le richieste ,ovviamente, son moltissime!!ed io francamente non voglio aspettare molto.
    Mi chiedevo,in alternativa di poter richiedere la tesi in diritto del lavoro(materia con cui ho fatto la tesi di laurea della triennale ovviamente l’argomento sarebbe diverso e gia’ un argomento ce l’hoin mente )quindi mi chiedevo è possibile rifarla in diritto del lavoro ???anche se temo di no!!Grazie.
    infatti!!l’argomento della tesi in diritto penale intriga e molto anche a me hehe.Boh vedremo…il fatto è che il professore segue poco e niente poi per non parlare degli assistenti hehehhe comunque spero di poter insistere sul Penale!!Grazie-

  86. Claudio scrive:

    da momento che l’argomento si sceglie in base a un esame già sostenuto, vorrei sapere più che altro se è necessario aver preso precedentemente un ottimo voto o questo non pregiudica il voto di laurea finale; a me piacerebbe fare la tesi con un prof con il quale ho preso 28, è un miglior biglietto da visita scegliere magari un altro esame in cui ho 30Lode x esempio?
    poi, il voto della laurea triennale influenza in qualche maniera quello della specialistica?
    grazie a tutti e buono studio!
    intanto grazie!
    nel senso che scegliere un argomento il cui voto x es. è stato più basso non pregiudica l’approfondimento dell’argomento stesso? del tipo “hai preso di meno, non hai brillato nella preparazione e quindi tanto meno brillerai nella tesi”..?

    @ carlos, perdonami, devo ancora rispondere a una tua vecchia mail, non mi sono dimenticata…
    @ carlos: ah ok! io vorrei fare con questo professore, al cui esame ho preso 28, perchè mi interessa l’argomento ed è uno molto gentile e disponibile… no no, ti risponderò, non preoccuparti!

  87. Dario scrive:

    Ciao a tutti, sono uno studente del secondo anno e voglio capire come scrivere una tesi di laurea triennale.. ho qualche idea sulla meteria da portare ma l’argomento davvero non ho idea come fare a sceglierlo!

    1) Mi interesserebbe ECONOMIA DEGLI SCAMI INTERNAZIONALI oppure una tesi in ambito STATISTICAANALISI DATI..
    Avete qualche idea su possibili argomenti da proporre?

    2) Una volta pensato all’argomeno, come muovermi? Ovvero chiedo al prof oppure sviluppo autonomamente? Chi ha gia fatto la tesi triennale mi puo dare qualche consiglio?

    VI RINGRAZIO TANTISSIMO!!!!
    aristo.. ok bel consglio.. ma leggi bene la domanda.. sto gia facendo l universita.. sn alsecondo anno.. ok nn ho specificato.. faio economia e commercio.. prò volevo un consiglio sull’argomento ella tesi.. nn sula validita delle lauree… grazie cmq..

  88. Giorgio scrive:

    Come funziona la scelta dell argomento per la tesi di Laurea??
    Tipo a me piace un argomento e la faccio su quello?? oppure me lo danno loro?? quanto deve essere lunga?? deve essere anche in inglese vero??

  89. Luigi scrive:

    Vorrei porvi alcune domande, sono delle semplici statistiche per la mia tesi di laurea: se poteste rispondere perdendo 2 minuti della vostra vita mi fareste un grande favore…grazie!!
    1.la vostrà età
    2.vi piacciono i reality show?
    -se si perchè? e qualìè il vostro preferito
    -se no perche?
    Mi aiutareste tanto…spero rispondiate in molti!!!!! Grazie a tutti quelli che risponderanno!!!!
    Vale perchè è solo uno dei molti mezzi con con cui sto effettuando i sondaggi e ho optato anche per questo canale.
    Grazie per la risposta molto intelligente!!e crepi il lupo!!

  90. Marta scrive:

    maestre/i aiutatemi sono davvero indecisa e non so cosa fare..
    Sono arrivata al momento della scelta della tesi e non so quale materia e professore scegliere.Il problema di fondo è che non reputo competenti la maggior parte dei professori che ho avuto e quei pochi che si salvano sono già impegnati.
    Io vorrei fare una tesi sperimentale visto che sto per iniziare l’ultimo anno avrei tutto il tempo per concludere gli esami e nel frattempo lavorare alla tesi.

    nello scegliere un prof a cui chiedere la tesi cosa bisognerebbe valutare?

    scegliere la materia che mi piace di più pur sapendo che il prof è pignolo e che mi farà sgobbare o scegliere un prof che magari ti segue di più, è tranquillo ma insegna una materia che non mi piace moltissimo?

    voi quando avete fatto questa decisione come vi siete regolate??
    mi laureo in scienze della formazione primaria..
    si una futura maestra..

  91. Giorgia scrive:

    mancano 3 esami alla laurea..(li sosterrò a settembre) e se tt va bene a novembre mi evo laureare..come già detto devo richiedere la tesi..ho chiesto ad 1 prof ma mi ha detto che le sue tesi sono esaurite già fino a GIUGNO !! è normale ? sono io che sn in ritardo ? cosa fare ?
    SCUSA SE IO A FINE SETTEMBRE FINISCO GLI ESAMI nn ce la faccia fare una tesix novembre come è possibile ? io nn capisco ste cose…quindi si va a finire ad aprile SOLO X FARE LA TESI ??

  92. Vanessa scrive:

    Mi accingo a frequentare il 3° anno all’università.. e vorrei iniziare a pensare alla mia tesi. Come la si prepara? Quanto tempo prima? In che modo puo’ essere impostata? Ad esempio in cosa consiste la tesi sperimentale? Vorrei essere un po’ illuminata a riguardo :) grazie a tutti coloro che risponderanno
    sono iscritta ad una facoltà medica

  93. Arianna scrive:

    cerco qualche collega quasi medico come me o già medico che mi possa suggerire un argomento interessante di chirurgia generale su cui fare la tesi di laurea :)

  94. Riccardo scrive:

    ciao, secondo voi dv posso trovare una tesi di laurea scritta ke parli dello streptococco agalactiae beta emolitco di gruppo b? Lo chiedo xke è un argomento molto affrontato e parecchio studiato, per tanto molto ultizzato a fini tesistici, On line esistono tante tesi libere ke possono esser scaricate…su qst argomento qualcuno sa aiutarmi??

  95. Domenico scrive:

    Vedete, sono indeciso se ringraziare i miei genitori oppure no nella tesi di laurea. Voi penserete: mi hanno fatto nascere, mi hanno “pagato” l’università (in realtà mio padre non ha sborsato niente, me la sono vista io con le borse di studio, ho cercato ogni anno di essere in regola in modo tale da evitare il pagamento delle tasse). Se proprio vogliamo essere pignoli, io di mio padre ho sfruttato solo il suo reddito molto basso, che mi ha permesso di avere l’esenzione dal pagamento delle tasse. Per il resto, HO FATTO TUTTO DA SOLO: esami, tesi di laurea…

    Vedete, mio padre di fatto non ha fatto niente. In questi quattro anni mi ha reso la vita impossibile; mi ha addirittura impedito di uscire con i miei amici, dicendo che avrei dovuto studiare, quando io in realtà avrei preferito ANCHE lavorare in modo da poter passare più tempo con i miei amici. Mi ha impedito questo e adesso odio me stesso per averlo ascoltato. Sono caduto più volte in depressione perché ero sempre solo in una famiglia che ti fa continuamente pesare il fatto che siamo poveri e non ci possiamo permettere il lusso di uscire.

    Dovrei ringraziarli lo stesso???
    x vavax: ecco, questo è il motivo per il quale ho posto questa domanda in questa sezione. Il problema rimane, anche se non si parla di tesi di laurea. I miei genitori mi hanno cresciuto, mi hanno dato da mangiare, una casa… Ok, lo riconosco, e tutto il resto? E tutte le volte che mio padre mi ha dato del malato di testa? Tutte le volte che mi ha detto che io ho un brutto carattere, che rimarrò da solo? E mia madre quante volte si lamentava e si sfogava con me per il fatto che viviamo in condizioni disagiate…

    Ragà, tutto questo non conta? O se vi dicessi che mio padre ha abusato di me fisicamente, sarebbe diverso. Però nessuno dà peso a ciò che non è “fisico.” Ragà, io ho problemi di autostima, di insicurezza, timidezza. Non sono capace di conquistare il cuore di una donna. Ho sempre paura di tutte. Mi faccio troppi complessi perché non sono mai stato apprezzato nè incoraggiato dai miei. Questi sono problemi che mi porterò dietro tutta la vita e sono sicuro che influiran
    che influiranno anche sul lavoro che farò grazie all’università.

    E’ facile dire “i tuoi genitori ti hanno fatto vivere.” E tutto il resto non conta?
    x Panter: Le mie indecisioni mi hanno rallentato tantissimo. Per scrivere questa tesi ci ho messo 8 mesi e non so ancora se ad Ottobre riuscirò a laurearmi.
    Credo che tu in parte abbia ragione. Ho 23 anni, ma non sono ancora un uomo perfetto e formato. Ma devi capire che io non voglio essere il solito ragazzo ipocrita che si comporta come si comportano gli altri, cioè mettendo nei ringraziamenti mezzo mondo senza che queste persone abbiamo avuto un peso reale nella formazione della persona in sé.
    Questo tipo di problema, il fatto che lo stia affrontando con voi mi rende molto maturo. Un altra persona al posto mio non ci avrebbe pensato due volte a ringraziare i propri genitori, senza sapere se fra 20 anni il contributo che hanno dato i genitori alla formazione del ragazzo ad uomo sia davvero servito a qualcosa.
    Io rifiuto ogni forma di ipocrisia e di omologazione. Se devo scrivere i ringraziamenti, devo essere sinceri, perché tutte le persone che mi conoscono sanno che io sono sempre s
    stato sincero. Poi, vabbé, ci sarà sempre chi penserà a male, ma quello che conta è ciò che penso io di me stesso.

  96. Dario scrive:

    Ciao a tutti, innanzitutto :D .
    Ragionando un po’ sull’università, ho cominciato a pensare un po’ alla tesi, anche se -ammetto- sono al secondo anno ed ho alcuni esami indietro. Prima di tutto, in quanto tempo vi siete laureati voi?
    Riguardo alla tesi, volevo sapere un po’ la vostra esperienza, di laureati o di laureandi. Quale materia avete scelto o pensate di scegliere? Avete già un’idea dell’argomento? E, infine, avete già pensato, se intendete proseguire gli studi, a quale laurea specialistica iscrivervi?
    Ovviamente, mi rivolgo in primis ad altri studenti di Economia, ma se avete aperto questa domanda riportate comunque la vostra esperienza, se vi va!
    Scusate per le molte domande, ma sono un po’ confuso -_-” .
    GRAZIE a tutti coloro che risponderanno :D
    (accendete una stellina se potete!)

  97. Roberta scrive:

    Ciao a tutti,
    sto facendo il 3° anno di Studi Internazionali (ex relazioni internazionali) quindi quest’anno dovrei prendere la laurea triennale.
    Vi chiedo:
    – Circa la “burocrazia” per la tesi avete qualche suggerimento o avviso?
    – Se non erro, il voto finale dipenderà soprattutto dalla media dei miei esami, e in misura minore dalla tesi, è vero?
    – Nell’ottica di alzare un po’ il voto finale penserei di fare qualche esame extra; mi basta darli per prenderne i crediti o mi conviene darli solo se in questi prendo un voto alto?
    – Vale la pena perdere più tempo per il voto della laurea triennale? O conta poco rispetto alla specialistica?
    PS io ho avuto ottimi voti nei 2 esami di inglese, ma posso usare inglese come materia di tesi? Immagino di no…
    Come funziona la tesi, dovrò parlare di un argomento preso da una materia o dovrò fare collegamenti con altre materie degli esami che ho dato?

  98. Alessandra scrive:

    Ciao mi serve un template non super complesso per fare una bozza di tesi di laurea,mi potete passare il link per scaricare la base…Mi riferisco a latex,grazie

  99. Eleonora scrive:

    mi mankano 4 esami ma nn so come funziona il procedimento della richiesta della tesi..
    mi potete aiutare?

  100. Greta scrive:

    potete darmi dei link dove trovare delle citazioni nella mi tesi di laurea?mi serve una frase,un aforisma,una citazione,qualcosa da mettere per la tesi.(nn dediche)GRAZIE MILLE A CHIUNQUE RISPONDERà!

  101. Giorgio scrive:

    devo fare una bozza per la tesi di laurea.. piu o meno cosa devo fare? e soprattutto quante pagine devo preparare?

  102. Caterina scrive:

    Nel modulo tesi, dove è indicato: “Gli argomenti per le tesi orali sono….” …cosa devo scrivere precisamente?
    Mi rivolgo soprattutto a chi si è laureato di recente e si ricorda la compilazione del modulo.
    Grazie.

  103. Ilaria scrive:

    Sto preparando la mia tesi di laurea triennale (faccio economia). In rete ho trovato tanti lavori (tutti in inglese) che parlano dell’argomento da me affrontato. Io mi chiedevo se metto in bibliografia questi lavori io posso farne la parafrasi e usarli nella mia tesi? Ovviamente non intendo copiarli però se ad esempio in un lavoro c’è un grafico molto interessante che poi viene spiegato, io posso prendere quel grafico e poi spiegarlo come fa l’autore?
    Poi io di questi lavori ne ho trovati una ventina quindi non sarebbe la copia di un lavoro, diciamo un collage di più lavori che seguono la linea logica che gli ho dato io. Altrimenti con tesi compilativa cosa s’intende?

    ps non ditemi di parlarne col relatore, che posso fare così lo so già

  104. Cristina scrive:

    Ragazzi stavo lavorando sulla mia tesi di laurea e mi erano sorti dei dubbi, spero possiate essermi d’aiuto e darmi qualche consiglio. Mi trovavo esattamente a scrivere l’indice e facendo sulla tesi su una cappella di una chiesa di Verona, uno dei capitoli riguarda l’architettura in cui devo affrontare il discorso della pianta, della facciata e ovviamente dell’acrhitettura interna, Secondo voi come è meglio disporlo nell’indice, tutto sotto la stessa voce oppure facendo sotto capitoli suddividendo in esterno e interno?
    Poi un’altra cosina. La cappella che esamino ha all’interno molti dipinti. Avrei deciso di inserire come voce principale del’indice il nome dell’artista e come sottocapitolo il nome dell’opera esposta. secondo voi è brutto in questo modo?

    Esempio:

    3. NOME ARTISTA
    3.1 OPERA ESPOSTA

    4. NOME ARTISTA
    4.1 OPERA ESPOSTA
    4.2 OPERA ESPOSTA

    se mi date un vostro parere ve ne sono grata… grazie!!

  105. Ilaria scrive:

    quanto può influire la tesi sul voto finale?
    zenzero, sei stata chiarissima, ho controllato sul sito della mia facoltà, danno 10 punti per la tesi, mi sembrano davvero tanti per 1 credito, in pratica devo fare una miseria di tesi e mi influenza così tanto il voto finale?

  106. Serena scrive:

    ciao dovrei fare la tesi di laurea sul’obesità pubblicitaria, ma ho molte difficoltà a fare il primo capitolo

    nel primo cap devo scrivere dell’uso del web per campagne sociali e mi ha detto di utilizzare questo sito web2.0 ma non esiste.
    mi date una mano a darmi le tracce per questo capitolo e a spiegarmi questo sito se esiste o no
    mi potreste indicare le misure delle pag word per fare la tesi, perche il word nuovo non lo so usare molto bene.

  107. Edoardo scrive:

    ciao ragazzi!ho bisogno di una mano!sto per iniziare la tesi di laurea (triennale), ho già accordato l’argomento con il prof ma sono un po’ in difficoltà. dunque, io vorrei fare una tesi sul commercio elettronico nelle imprese business to business (cioè imprese ke vendono ad altre imprese non ai consumatori finali) con l’analisi di un sito internet di un’azienda business to business in cui ho effettuato uno stage mesi fa. Il prof mi ha consigliato di vedere se nel sito di quest’azienda sia presente una rete extranet, cioè un sistema riservato strettamente ai clienti (con tanto di password ovviamente) ma l’impresa in questione non dispone di questo tipo di rete. allora il professore mi ha detto ke avrei potuto tranquillamente fare la tesi sulla rete intranet, cioè la rete usata dai dipendenti aziendali ma io non sono molto d’accordo per il fatto ke mi sarebbe piaciuto fare una tesi non sul piano delle risorse umane ma su un piano più strettamente economico-commerciale, di marketing.
    quindi per esempio su come aumentano le vendite grazie a internet o qualcosa di simile…solo ke ho paura ke sia molto difficile reperire info dall’azienda poerchè queste cose, si sa, sono strettamente riservate all’azienda.potete darmi qualke idea per favore?grazie a tutti!
    idee su argomenti su cui non sia impossibile avere dati e informazioni.

  108. Gabriele scrive:

    ciao dovrei fare la tesi è una biografia su uno sportivo ke morì negli anni 80 e dovrei contattare la famiglia per sapere l’infanzia. dovrei spedire una lettera e sono indecisa di spedirla tramite prioritaria o raccomandata. voi come la spedireste?
    un’altra cosa nell’introduzione cosa devo scrivere? e nelle conclusioni ? e per stampare stampo solo da un lato o da tutte e due le parti?
    grazie
    aiutatemi per favore
    l’introduzione e le conclusioni sulla tesi no nella lettera.

  109. Serena scrive:

    La mia tesi di laurea è sulla Placca Batterica..ho già vario materiale, ma ho isogno di mettere ordine..potete indicarmi il modo di prcedere?Tutto ciò che c’è da sapere sulla struttura di una tesi di laurea.
    Se avete del materiale o sapete qualche sito specifico sulla Placca Batterica e i batteri che la causano, fatemi sapere.
    L’ultimo quesito: Un suggerimento per il titolo?
    La suddivisione dei capitali c’è già.
    Per Carlo: si, hai ragione, ma purtroppo non sono in grado di fare dei lavori sommari..o faccio per bene o niente!! :-)
    Studio Farmacia
    Grazie lopel

  110. Fabio scrive:

    devo fare la tesi sulla programmazione musicale in tv su un canale specifico, tipo italia 1. cosa potrei mettere in scaletta? cosa posso analizzare? idee? consigli di libri sul rapporto tra la musica e i media???

  111. Stefano scrive:

    Quanto tempo ci vuole per fare una buona tesi di laurea (considerando che devo affrontare un argomento che non ho mai trattato)? E se volessi farla dopo aver finito tutti gli esami, perchè questi ultimi sono pesantucci e voglio dedicarmi solo a loro?
    babayaga, anche io vorrei metterci non più di 4/6 mesi: il materiale l’ho già: libri (che già sto pian piano leggendo, per una prima lettura, e poi riprendere con una seconda approfondota), il relatore anche, il titolo pure (MERLEUA-PONTY E IL COMUNISMO), ho fatto già ricerche su internet relative, però visto che questo filosofo non l’ho mai studiato (é un filosofo minore) e il comunismo è un periodo storico non molto approfondito nelle scuole, pensavo di dedicarmi 4/6 mesi dopo gli esami solo alla tesi….

  112. Maria scrive:

    Vorrei sapere le regole di stesura di una tesi? carattere, margini, interlinea…..

  113. Dario scrive:

    Salve a tutti,
    So di non essere la prima a scriverlo quindi vi prego, non linkatemi altre domande per risolvere il mio dilemma…
    Domani devo stampare la tesi di laurea e non sapevo se inserire, o meno, i ringraziamenti…
    La loro forma è abbastanza familiare, non ci sono paroloni pomposi e anche la parte riferita al relatore è “tranquilla”, del correlatore neppure l’ombra- ancora non l’ho incontrato sotto quella veste e durante la stesura non sapevo neppure chi sarebbe stato-.
    Si parla però anche degli amici e dei familiari…
    Vi chiedo dunque, quanti di voi ce li hanno messi? che tipo di lnguagguio avete usato?
    Davvero la commissione si passa la tesi per riderci su?

    Grazie!

  114. Serena scrive:

    ciao a tutti gli studenti universitari. frequentando una triennale di lingue, come si fa per fare la domanda di tesi? a chi ci si rivolge? e quando? se per il terzo anno, l’ultimo, mi restano 7 esami +il tirocinio, come conviene organizzarli? e quando dovrei cominciare a preparare la tesi per riuscire ad iscrivermi alla laurea specialistica in ottobre? grazie in anticipo!

  115. Giada scrive:

    pr chi l’ha fatta o la sta per fare: potreste dirmi come si articola, quanto tempo “ipotetico” ci vuole per prepararla, di che tipo deve essere (se compilativa o come una tesi normale e di quante pagine) e magari se mi consigliate anche qualche argomento sulla penalistica?!?!? …. Vi ringrazio tutti!!!
    Grazie Marry! Crepi e imboccallupo anche a te!!! :)

  116. Giovanni scrive:

    Se a distanza di 2 o 3 esami si chiede e si riesce a terminare di scrivere la tesi di laurea,ma magari non si superano gli esami in questione,ha una scadenza la tesi scritta o dura fino a quando si ha finito gli esami?
    Grazie!

  117. Monica scrive:

    Insomma come funziona?
    Scelto materia, relatore e il tema cosa si fa?
    Approfondisce l’argomento come le tesine a scuola?
    Trovare delle soluzioni alle problematiche?
    Spiegatemi in maniera semplice cosa è una tesi di laurea per cortesia!!!!
    10 punti sicuri, entro 24 ore.

  118. Salvatore scrive:

    Ciao a tutti.
    Quest’anno avrei intensione di chiedere la tesi, solo che vorrei dei consigli in merito.
    Che differenza c’è tra tesi sperimentale e non sperimentale? Tra una tesi su una materia, diciamo, principale e quella su una materia complementare quanto conviene scegliere la prima?
    Quanto tempo in media si impiega per fare una buona tesi?
    Infine: a quante materie dalla fine conviene chiedere la tesi?

  119. Beatrice scrive:

    Ciao ragazzi!
    Volevo chiedervi come funziona con la tesi…cioè verra letta davanti ai prof in aula oppure sara solo usata dai prof per scopo valutazione?Ma di quante pagine deve essere?Una volta che lo hai presentata puoi ritenerti laureata?

  120. Giulio scrive:

    Ciao devo iniziare la tesi per la laurea magistrale in Comunicazione e Pubblicità. Devo scegliere un argomento e sono indeciso tra:
    – pubblicità subliminale
    – l’uso dei colori e della musica per gli spot
    – strategia comparata negli spot diesel e altri jeans

    quale scegliereste? potete consigliarmi anche altri argomenti..,
    PER LUCA: forse la gente sfotte il tuo di corso di laurea (qualunque sia).. se io mi devo laureare in comunicazione non posso mica fare una tesi sul diritto romano o sulle malattie cardiovascolari che dici?
    questi sono gli argomenti..

  121. Laura scrive:

    Ciao a tutti.tra un pò inizierò la tesi …volevo sapere quanto ci avete impiegato voi per una tesi triennale? per la ricerca del materiale quanto tempo?e per la stesura? avete qualche dritta da darmi? ah, un’altra cosa! avete letto molti libri?
    grazie! e buona giornata
    scusate è vero, mi son scordata di dire la facoltà!lingue.materia letteratura tedesca.

  122. Paola scrive:

    Salve a tutti! :)
    E’ arrivato il momento di iniziare la tesi di laurea quinquennale in Giurisprudenza. Il titolo è: Le investigazioni difensive: l’accesso ai luoghi.

    Ora, vorrei qualche delucidazione visto che il prof non mi ha aiutata molto.

    – quanti testi devo consultare e quindi inserire nella mia bibliografia provvisoria?
    – Vado nella biblioteca della mia facoltà, cerco i libri che recano il mio stesso titolo e li fotocopio TUTTI?
    – Ora come ora non credo di sentirmi in grado di elaborare una tesi con MIE idee, mi viene la tentazione di scrivere quello che leggo sui vari libri… Secondo voi questa sensazione è data solo dal fatto che ancora non ho una conoscenza approfondita sul mio tema?
    – Aiutooooooo!!!!

  123. Antonio scrive:

    mi fate degli esempi..?? quali potrebbero essere gli argomenti possibili x una tesi di laurea triennale in lettere moderne??

  124. Paola scrive:

    Ciao, mi servono queste informazioni:

    1) è possibile evitare di mettere le note ogni volta che si riporta un’informazione da un libro o da una fonte di qualsiasi sorta e limitarsi ad indicare la bibliografia/sitografia utilizzata al termine della dissertazione? In modo tale da fare un lavoro più scorrevole e meno noioso… penso poi che sia più facile da leggere!
    2) è possibile inviare una parte della tesi (ad es. introduzione e primi due capitoli, o uno solo dei due) al mio relatore per mail senza dover spendere ogni volta dei soldi per stampare il tutto?
    3) particolarità correlata alla domanda precedente: qual è il ruolo del docente in tutto questo? sono un po’ alla deriva, e purtroppo nessuno mi ha insegnato a fare la tesi -.- non so quando contattarlo, cosa chiedere…

    Grazie e buone feste a tutti =)

  125. Irene scrive:

    Ciao a tutti,
    finalmente ho avuto il titolo della mia tesi di laurea,sono ancora iscritta alla vecchia laurea quadriennale e quindi sarà una tesi lunga e un po’ pesantina suppongo, ma questo non mi spaventa, ho scelto un argomento che mi piace e sono soddisfatta!
    I miei dubbi concernono piuttosto il MODO in cui si scrive una tesi, visto e considerato che in Italia non si scrivono tesine o robe del genere, quindi sostanzialmente non ho esperienza di “scrittura accademica”! Avete suggerimenti da darmi?
    Grazie a chiunque avrà voglia di darmi qualche consiglio!

  126. Emanuele scrive:

    Io mi sono già laureata alla triennale, ma ho un grosso vuoto di memoria su come, dove e con che tempi abbia cercato tutto il materiale (libri a parte).
    Come si fa a ricercare tutti gli articoli possibili, pubblicazioni scientifiche e altro sull’argomento di cui si tratta?
    La ricerca di questi articoli è potenzialmente infinita?
    Come faccio a conoscere tutte le riviste scientifiche, italiane e non (soprattutto non) sull’argomento?

    La tesi è di Management.
    Io devo fare la bibliografia da sola.

  127. Jacopo scrive:

    Ciao ho un problema! Sono andata in una copisteria perchè dovevo stampare e rilegare la tesi di laurea e mi hanno un pò confusa con prezzi e copertine, quando io ne volevo una semplicissima!Mi hanno detto che le copie sarebbero state pronte venerdi!Tornata a casa c’ho ripensato e ho chiamato per disdire tutto e mi hanno detto che le pagine erano gia state stampate e che potevo mettere in attesa la copertina! (dopo solo 4 ore?ma le pagine non sono l’ultima cosa che si stampa?) Ora io non ho intenzione di andare a ritirarle perchè si sono dimostrati sia prima che dopo molto sgarbati!Secondo voi?Rischio qualcosa?
    Perchè non mi hanno dato tempo ne fatto vedere bene le alternative e sopratutto i prezzi, cioè io sono andata diretta perchè mi avevano già fatto vedere un volantino con le offerte, ma poi le cose erano molto diverse!sul momento mi hanno confuso e ne ho scelta una a forza ma mi sono pentita quasi subito, sopratutto parlando con altre mie amiche e sentendo le differenze di prezzo!Sono stata stupida io a confermare subito!Cavolo!

  128. Nicola scrive:

    Chi di voi sarebbe così gentile da indicarmi quali sono tutti i casi in cui in una tesi di laurea è obbligatorio mettere una nota di riferimento?
    Mi è chiaro soltanto che bisogna farlo quando ad es. si riportano le parole esatte di un libro che si è consultato. Ma riguardo agli altri casi ho un po’ di incertezza.
    Grazie

  129. Paolo scrive:

    sono al secondo anno di una facoltà triennale….mi chiedevo se sia troppo presto cominciare a pensare a una tesi di laurea sperimentale….avete consigli?
    Il prof con cui la vorrei fare pero’ è stao mio docente, ho fatto l’esame con lui ma ora non insegna piu nel mio corso di laurea ma sempre nella facoltà generale….posso richiederlo cmq come relatore?
    grazie

Leave a Reply